mercoledì 19 maggio 2010

Cantucci con olive, parmigiano e pinoli


Ormai sono lanciata! Dopo i cantucci al cioccolato di due settimane fa, che ho rifatto pure ieri sera in molto meno tempo e con maggior facilità, questo fine settimana ho provato una versione salata. Purtroppo ne sono venuti proprio pochi, perché erano buonissimi e praticamente Matteo se li è mangiati tutti in mezzo pomeriggio! Ora aspetto di invitare qualche amico a cena per avere la scusa e farne un po' di più...
Ho utilizzato una ricetta di un libro da cui avevo già preso un'altra ricetta ("Hors d'oeuvres", utilizzato anche per le striscioline croccanti all'aglio ed erbe)riducendo le dosi perché temevo venisse una schifezza e sono venuti all'incirca 12 pezzi, quindi utilizzando le quantità indicate dovrebbero uscire circa 40 cantucci, anche a seconda che tagliate la pasta più o meno spessa.
A differenza di quelli con le nocciole, con cui ho avuto qualche problema nella fase del taglio, qui la presenza di pezzi piccoli come pinoli e olive ha fatto sì che venissero delle fette impeccabili!

INGREDIENTI per 40
250 gr farina
100 gr olive verdi
100 gr pinoli
3 uova
2 cucchiai di parmigiano
un cucchiaio di semi di finocchio
un cucchiaino di lievito (io ho usato quello per dolci, ma credo vada bene anche del bicarbonato)
un cucchiaino di sale
una macinata di pepe nero

Tostare i pinoli in una pentola e tagliare le olive a pezzetti. Lavorare uova, farina, parmigiano, aggiungendo poi sale, lievito e semi di finocchio, lasciando per ultimi pinoli e olive.
Amalgamare gli ingredienti, meglio se lavorando con le mani piuttosto che con il mestolo, in modo da formare un composto solido.
Stenderlo in due o più strisce alte circa un dito e larghe come preferite (la larghezza del panetto corrisponderà alla lunghezza del cantuccio). Lo stesso dicasi per la lunghezza, dipende esclusivamente dalle dimensioni della teglia che si utilizza e non va ad incidere sulla riuscita o sull'estetica dei biscottini.
Cuocere per circa 25 minuti in forno a 180° già caldo, poi togliere dal forno e tagliare la pasta in pezzi nel senso della larghezza, dando la forma dei cantucci. Meglio utilizzare un coltello a lama liscia piuttosto che uno seghettato.
Rimettere nel forno e proseguire per altri 15 minuti. Io poi preferisco distribuire i cantucci sulla teglia, con la parte tagliata verso l'alto, lasciandoli riposare per altri 10 minuti nel forno spento, in modo che venga eliminata l'umidità residua.

Ed eccoli pronti! Si raffreddano in poco tempo e si possono mangiare anche tiepidi, volendo.

Un solo consiglio: occhio alla quantità di semi di finocchio usata, perché hanno un gusto molto deciso. Se non ne siete appassionati forse è meglio eliminarli del tutto.

3 commenti:

ELel ha detto...

Quand'è che m'inviti allora?!?! ;-))

amzterdam ha detto...

Quando vuoi, la strada la sai...quasi...

Giuliana ha detto...

ciao, sono Giuliana, del blog
La Gallina Vintage. Su Facebook ci sono come Giuliana Fabris. Ti scrivo perchè oggi è successo che mi hanno segnalato che un gruppo presente su FB relativo alle ricette di Anna Moroni alla prova del cuoco, questo:

http://www.facebook.com/pages/La-prova-del-cuoco-tutte-le-ricette-del-2012/167646339978261


ha preso delle foto direttamente dal mio blog per corredare delle ricette, e precisamente quella dei Cantucci salati e quella della cheesecake salata, ricette che in teoria dicono essere di Anna Moroni, cosa di cui fra l'altro dubito perchè la ricetta io l'avevo trovata su un vecchissimo numero della rivista Sale&Pepe....ma questo non è il punto.
Alle mie rimostranze, corredate da prove, hanno tolto le mie foto e hanno sostituito la mia foto dei cantucci salati con la tua. Immagino senza chiederti il permesso come non l'hanno chiesto a me.
Non sono una fotografa professionista, e se avessero chiesto la foto avrei sicuramente dato il permesso di usarla, ma siccome non è stato fatto e non sopporto chi si fa bello col lavoro altrui, appena ho visto che questa gente continua imperterrita con questo comportamento, ho deciso di avvisarti. Credo che non faccia piacere nemmeno a te. Nel caso però che ti avessero chiesto il permesso, fai conto che non ti abbia detto nulla.


la tua foto è qui:


http://www.facebook.com/photo.php?fbid=387255634683996&set=pb.167646339978261.-2207520000.1352655935&type=3&theater

scusa lo sfogo, ma sono davvero amareggiata, so che non è un problema di vitale importanza, e che è già successo e succederà ancora, ma non sopporto questo modo di comportarsi...

Grazie per la pazienza, e complimenti per il tuo bellissimo blog. Ti seguirò con molto piacere...
almeno quel gruppo ha il merito di avermelo fatto conoscere...

cari saluti

Giuliana

Posta un commento