venerdì 13 febbraio 2009

Torta Belga (così ribattezzata...)


Settimana scorsa son tornata sul luogo del "misfatto"...la tanto cara Anversa, dove 10 anni orsono io e la mia amica Giuly perdemmmo soldi, documenti e cellulare ed anche gran parte dell'entusiasmo che ci aveva spinte ad intraprendere l'Inter-rail!

Gli inviti non si rifiutano mai (oddio...!), men che meno se ti permettono di vedere qualcosa di nuovo e -possibilmente- cancellare qualche brutto ricordo, quindi quando Viola mi ha non solo proposto, ma anche organizzato la trasferta, ho preso armi e bagagli e son volata lassù!
Viola ha subito capito che io, più che una fashion, una supermercato-addicted! Non resisto...se sono all'estero devo entrare al supermercato e passarlo palmo a palmo. La mia dieta priva di porcherie non poteva cadere in un momento peggiore...scaffali e scaffali pieni di cose nuove, mai viste e tutte molto allettanti.

Tornando coi piedi per terra, per sdebitarmi in minima parte per l'ospitalità, ho voluto preparare a Viola e Mattia un "mio" piatto, e già che eravamo in Belgio ho optato per una torta salata con ingredienti della zona: porri e indivia (o insalata belga, per l'appunto!).

La cosa bella di questo piatto è che non solo si può preparare in anticipo, ma addirittura, se mangiato il giorno dopo, ne guadagna! Il gusto è deciso, ma non eccessivo.

INGREDIENTI per una torta salata:
1 pasta sfoglia
3 cespi di indivia
2 porri
30 gr burro
30 gr farina
300 ml latte
1 uovo
4-5 cucchiai di parmigiano grattuggiato (o emmentaler o gruyere)
sale, pepe, noce moscata, erba cipollina

Tagliare i porri e l'indivia a striscioline (i porri solo limitatamente alla parte bianca), lavarli e farli stufare in una casseruola con poco olio. Nel frattempo preparare la besciamella: il burro è facoltativo, Viola -in veste di mia aiutante!- l'ha fatta egregiamente senza. Per evitare grumi vi consiglio di partire a freddo: mettete la farina nella pentola ed aggiungete il latte poco a poco, mescolando con il frustino, e solo dopo iniziate la cottura (se usate il burro, fatelo sciogliere, aggiungete la farina e toglietelo dal fuoco e versate il latte solo quando il tutto si è intiepidito).
Aggiungere sale, pepe e noce moscata e proseguire la cottura fin quando la besciamella non diventi cremosa. Mentre si aspetta che la besciamella intiepidisca, srotolare la pasta sfoglia e foderare con questa uno stampo per crostata (diametro 22-24 cm) e bucherellare il fondo della sfoglia, in modo che in cottura non si gonfi eccessivamente.
Quindi mescolare la besciamella con un uovo, il formaggio e le verdure stufate, regolare di sale e versare il tutto nello stampo da crostata, decorando con qualche stelo di erba cipollina.
Cuocere a 200 ° per 30 minuti, o fino a doratura della pasta sfoglia. Noi abbiamo avuto qualche "problema", nel senso che la torta salata si è ben cotta da un lato e meno dall'altro :-)
Visto che la presenza dell'uovo fa gonfiare la farcia, abbiate l'accortezza di buttarci un occhio durante a cottura!




1 commenti:

ELel ha detto...

Ho riadattato il tema con verdure a me un po' più gradite, la prova e se è venuta buona stasera la posto sul mio!

Posta un commento