giovedì 13 agosto 2009

Quenelle di ricotta e spinaci

Ed ecco la seconda ricetta con gli spinaci! Ovviamente li ho dovuti usare due volte perché essendo solo in due, a cena, non potevo fare troppi gnocchi...da qui il "riciclo" nella torta salata.

Più che fare degli gnocchi io ho fatto delle quenelle, perché non volevo usare troppa farina e con questo sistema, ovvero creando la forma utilizzando due cucchiai, non ho dovuto aggiungerne molta. E poi mano a mano che li facevo li mettevo direttamente nell'acqua, dal cucchiaio. Meno farina in giro, meno sporco, meno fatica e più gusto!

INGREDIENTI per due
250 gr ricotta
250 gr spinaci
2 cucchiai di farina
2 cucchiai di parmigiano
1 uovo
sale, noce moscata, scalogno, basilico
pomodoro fresco

Per un risultato ottimale servono due cose: spinaci ben strizzati e ricotta solida (come quella romana, più adatta per le preparazioni salate).
Nel primo caso bisogna lessare gli spinaci nella minor acqua possibile, oppure farli raffreddare bene e poi strizzarli molto. Nei casi più disperati anche una passatina in padella potrebbe aiutare!
Per il secondo requisito, bisogna scegliere il formaggio giusto. Ricotta Vallelata, ad esempio, no! Cercate quella che ha l'aspetto più granuloso oppure chiedete al banco gastronomia una ricotta con questa caratteristica.

una volta lessati e strizzati gli spinaci tagliarli grossolanamente (non mi interessa che siano passati con il passaverdura...va bene tagliarli un po' con il coltello). Lavorare la ricotta con l'uovo, il parmigiano e la farina, regolando di sale e aggiungendo un pizzico di noce moscata. Aggiungere gli spinaci e mescolare.
Nel frattempo, mettere sul fuoco una pentola con acqua calda (non aggiungete sale se il composto è già saporito a sufficienza). Quando inizia a bollire, preparare le quenelles. Mettere un po' di impasto su un cucchiaio e lavorarlo con l'altro fino ad ottenere delle polpettine bislunghe...vediamo se su Youtube trovo un video che lo spieghi meglio!! Eccolo!

Mettere il cucchiaio con la quenelle nell'acqua calda...lo gnocco si staccherà da solo.
Nel mio caso ho proseguito la cottura per circa tre minuti dopo l'affioramento della quenelle in superficie, visto che mi sembravano teneri. Scolarli e metterli in una terrina con un filo di olio fino a quando non saranno tutti pronti.
Raffreddandosi leggermente acquisteranno anche consistenza, comunque.

Per accompagnare questi gnocchi dal gusto dolce della ricotta e del parmigiano ho preparato un sugo rapido con scalogno soffritto in un cucchiaino di olio, pomodoro fresco a spicchi e basilico.


1 commenti:

ELel ha detto...

Mmh questi li voglio provare!

Posta un commento