mercoledì 17 giugno 2009

Crostata di pesche, amaretti e cioccolato


Come promesso, ho rifatto la crostata alle pesche, quella di cui, un paio di settimane fa, non ero riuscita a mettere in salvo nemmeno una fetta.
Tra l'altro ho trovato anche delle pesche noci mature ed ho potuto usare queste al posto di quelle bianche dell'altra volta, che con la loro pallida polpa non creavano il giusto effetto cromatico.
La torta, sebbene preveda l'utilizzo di cioccolato, non è dolcissima, un po' perché la frutta stempera il gusto e un po' per la presenza degli amaretti.
A me piace davvero molto! Ricorda le pesche ripiene, ma l'aspetto è più invitante.

C'è un solo passaggio "critico"...capire quando è cotta la pasta frolla, visto che è marrone di suo e che durante la cottura sembra sempre più morbida di quanto non lo sia una volta raffreddata.
In questo caso ci si può affidare ad una sola cosa, oltre alla propria esperienza: il timer del forno...

INGREDIENTI
150 gr zucchero
100 gr burro
1 uovo
1 tuorlo
270 gr farina
30 gr cacao amaro
5 pesche
100 gr amaretti secchi
100 gr cioccolato fondente

Esistono due versioni di questa torta...quella grande, con stampo da 20 cm di diametro, oppure quella più piccola, in versione ricoperta (ovvero con pasta frolla sia sopra che sotto).
La seconda è molto più bella da vedere perché quando si tagliano le fette si vede il colore delle pesche che spicca, ma la prima è più veloce. Si stende la base e via! Comunque vedremo dopo...

Iniziare preparando la pasta frolla come d'abitudine, da lasciar poi riposare in frigorifero per una mezz'ora. Nel frattempo tagliare le pesche a fettine (più o meno 12, quindi dividere ogni quarto in tre), metterle in una terrina insieme al cioccolato tritato e agli amaretti sbriciolati grossolanamente. Mescolare bene.

Una volta riposata la pasta frolla bisogna decidere come fare la crostata. Se si decide di fare quella scoperta, stendere la pasta sulla carta da forno, metterla nello stampo da crostata rifinendo i bordi. Versare le pesche, gli amaretti e il cioccolato ed infornare.
Nel caso in cui si opti per la versione più elaborata, stendere un 2/3 della frolla sulla carta da forno formando così la base. Prendere un altro foglio di carta da forno e stendere qui la pasta rimanente, in modo che riesca a coprire la superficie della tortiera. Generalmente la pasta che andrà a formare il coperchio è più sottile di quella alla base, quindi per evitare che si rompa mentre si cerca di posizionarla consiglio di mettere il foglio con sopra la frolla ben stesa nel freezer. Una volta diventata ben dura (questione di una decina di minuti, visto lo spessore) sarà semplicissimo togliere la carta da forno!
Quindi riempire la base con le pesche ed il loro condimento, metterci sopra la frolla avanzata (quindi con la carta da forno verso l'alto) e togliere delicatamente la carta. Fatto ciò, rifinire i bordi sigillando i punti in cui la base ed il coperchio si incontrano. Praticare un paio di forellini per far fuoriuscire il vapore e mettere in forno.

I tempi di cottura sono analoghi: 200° per 30 minuti circa.

Servire spolverata con zucchero a velo.

Per questa torta vanno benissimo anche pesche non troppo mature, visto che poi con la cottura diventeranno morbide e che la crostata è già abbastanza dolce di suo.

2 commenti:

Mary ha detto...

Yummy che buona!

ELel ha detto...

booooonaaa!!!!

Posta un commento