venerdì 29 maggio 2009

Pasta alla Anna


Ho già l'acquolina in bocca a vedere la foto di questa pasta che più estiva non si può!
La prima volta che l'ho mangiata, mi ricordo ancora, è stato durante una vacanza in quel di Jesolo (o meglio Cavallino) nel lontano 1991, quando a causa della guerra in corso non siamo potuti andare nell'allora Yugoslavia.

Così ci siamo piazzati in questo campeggio in riva al "mare" (leggasi distesa di acqua marrone), insieme ad altri amici e conoscenti che frequentavano il nostro stesso campeggio in Istria.
Abbiamo ricreato un piccolo pezzo di Koversada in laguna...

In occasione di una delle tante serate passate lì, tra una zanzara ed una spalmata di Autan, una nostra amica aveva preparato questo piatto, in versione pasta lunga.
Io lo preferisco in pasta corta, ma in questo momento ho una tale fame che la preferirei in qualunque maniera...

L'unica difficoltà del piatto è...come fare affinché il formaggio non diventi un unico blocco, ma fili? O lo si mette all'ultimo minuto oppure si fa in modo di condire la pasta quando il sugo è caldissimo, in modo che il formaggio si sciolga bene e si agganci alla pasta. In ogni caso, ben filante oppure grumo antiestetico, è comunque buona...

INGREDIENTI per due
200 gr pasta
1 melanzana grande
un barattolo di pelati
una mozzarella
olio, aglio, sale, basilico

Vista la cottura della melanzana, non proprio rapida, è meglio iniziare preparando il sugo e solo in un momento successivo buttare la pasta.
Tagliare la melanzana a dadini piccoli, eventualmente spolverarli con un po' di sale e lasciarli a perdere l'acqua in uno scolapasta (se si vuole togliere l'amaro...io invece li cucino subito) per una mezz'ora.
Nel frattempo fare imbiondire uno spicchio di aglio in due cucchiai di olio e poi toglierlo, ed aggiungere le melanzane a dadini. Se si ha avuto tempo di far sgocciolare bisogna stare attenti ad aggiungere altro sale, visto che c'è già quello utilizzato per il primo passaggio.
Far cuocere a fuoco vivace fino a quando le melanzane non sono dorate, senza preoccuparsi troppo del fatto che abbiano assorbito tutto l'olio (lo butteranno fuori dopo). Una volta cotte, aggiungere i pelati ben scolati e proseguire la cottura fino ad ottenere più che un sugo delle melanzane con del pomodoro.

Cuocere la pasta (io ho usato dei conchiglioni), scolarla bene al dente e farla saltare in padella, aggiungendo la mozzarella a dadini ed il basilico fresco. Mescolare, mescolare ed ancora mescolare, in modo che la mozzarella si sciolga e si spanda e non formi un unico enorme blocco di formaggio fuso.
Servire caldissima.

Ritardatari non ammessi.

6 commenti:

ELel ha detto...

Buoooooooonaaaaaaaaa!!!!!!

ricetteleggere ha detto...

già molto buona e non la mangio da una vita..certo che Jesolo al posto dell'Istria..!!

Mary ha detto...

da leccarsi i baffi!

marsettina ha detto...

buonaa

Mirella ha detto...

Non amo molto la pasta corta, ma dalla foto sembra veramente invitante!!

LeCiorelle ha detto...

buonissima!!!!

Posta un commento