lunedì 23 febbraio 2009

Torta Morbida alla Ricotta con salsa alle Mandorle


Sabato avevo voglia di qualcosa di dolce, ma non di troppo pesante, vista la dieta ancora in corso, e mi son ricordata di questa ricetta che avevo scovato qualche tempo fa in una rivista.
Non è la prima volta che faccio dolci alla ricotta, o meglio, con la ricotta nell'impasto...generalmente la uso per fare le classiche cheesecake "alla tedesca" (senza il fondo di biscotti e burro, che trovo pesante), ma è capitato di usarla direttamente nell'impasto dei pancakes ed il risultato è stato ottimo!
Ah, già che ci sono mi appunto di rifare i pancakes alle mele e cannella...strepitosi! E quelli con la nutella? o con il miele al castagno??! Mmmmh...

Tornando alla torta, temendo che così, da sola, risultasse troppo banale, ho preparato anche una salsa di accompagnamento, che si è rivelata azzeccata ed anche utile!

L'unica cosa negativa è che, nella mia smania di non avere torte troppo basse, visto che prediligo delle belle fettone alte, io ho usato uno stampo a cerniera di diametro 15.
Nè è venuto fuori un grattacielo! Quindi anche se l'impasto dovesse sembrarvi poco, fidatevi...utilizzate uno stampo di dimensioni normali...tra lievito ed albumi la torta crescerà per bene!

INGREDIENTI
300 gr ricotta
3 uova
100 gr zucchero
1 bustina di lievito
250 gr farina
3 cucchiai di panna

per la crema
4 dl latte
4 tuorli
120 gr zucchero
80 gr mandorle

L'impasto risulta abbastanza denso, quindi è buona cosa procedere con criterio, non come me, che son partita di botto con farina e ricotta e poi ho dovuto mescolare il tutto con le fruste elettriche!
Quindi mescolare la ricotta con i tuorli e lo zucchero, aggiungere la panna (io ho usato quella classica UHT da cucina, non quella fresca) ed il lievito. A parte montare gli albumi a neve ben ferma ed unirli poco alla volta all'impasto alternandoli alla farina. In questo modo dovrebbe essere più facilmente lavorabile.
Imburrare uno stampo da 24 cm, infarinarlo e versare l'impasto, livellandolo.
Cuocere a 180° per circa 40 minuti. Meglio controllare bene il cuore della torta prima di sfornarla.

Io ne ho assaggiato una fettina appena sfornata (giusto per capire se era decente o meno...) e l'ho trovata ottima anche da calda. La pasta risulta molto elastica e quindi la fetta rimane integra anche se la torta è fresca di forno!

Per la crema, si procede come per una salsa normale: si mescolano i tuorli con il latte e lo zucchero, si aggiungono le mandorle tritate e si fa addensare sul fuoco basso fino alla densità che si preferisce. Che fare con gli albumi? Le classiche meringhe...
Se vi escono bene, croccanti e non marroni, passatemi la ricetta!


1 commenti:

elel-vogliadi ha detto...

Questa dev'essere ottima, peccato che questi trogloditi degli spagnoli non conoscano la ricotta!!! :-// La farò quando torno in Italia!

Posta un commento